Ciclovia Fiume brenta

[wonderplugin_video iframe=”https://www.youtube.com/watch?v=P69hEe0REDQ&feature=emb_logo” videowidth=600 videoheight=400 keepaspectratio=1 videocss=”position:relative;display:block;background-color:#000;overflow:hidden;max-width:100%;margin:0 auto;” playbutton=”https://www.propiazzola.it/wp-content/plugins/wonderplugin-videoembed/engine/playvideo-64-64-0.png”]

L’Ostiglia-Treviso è la ferrovia dismessa più lunga d’Italia. Ha una lunghezza di 116 km ed attraversa 4 provincie venete (Treviso, Padova, Vicenza e Verona) e una lombarda (Mantova).
Una parte del suo ordinario percorso è stato trasformato in percorso ciclo-pedonale. La storia di questo ex percorso ferroviario inizia prima del ‘900.
Risalgono infatti al 1887 le prime idee di una linea da Ostiglia a Treviso. L’imprenditore Graziano Piani necessitava di un collegamento commerciale rapido verso Bologna. Momentaneamente accantonata l’idea venne ripresa nel 1908: alcuni parlamentari, tra cui Leone Wollemborg e Gian Giacomo de Féllisenti, evidenziarono infatti l’importanza che la sua realizzazione poteva avere per il confine nord-orientale, ritenuto debole e attaccabile. Il governo però non ascoltò le proposte, ritenendo più opportuno rafforzare le linee già esistenti.
I promotori della linea però non si diedero per vinti; si batterono perché questo progetto venisse realizzato, non solo per questioni di difesa militare, ma anche per le opportunità di sviluppo commerciale che poteva dare ai paesi da essa attraversati. Nel 1911 divenne certa la sua realizzazione ma c’erano discussioni…

Ti racconteremo il resto nelle passeggiate dedicate alla Treviso-Ostiglia camminando assieme lungo il tratto che attraversa Piazzola…

Nel giugno 2019 si è tenuta “Solstiglia” evento di due giorni realizzato in collaborazione con Federico Carbonini (Associazione Treviso-Ostiglia 13.6 di Cerea – VR) e l’Associazione Sp12 di Campodoro (PD)